Real corsaro nella tana del Barça

Camp Nou, Barcellona – 23/04/2002 – Semifinali
Barcelona
Barcelona
0 - 2
Real Madrid
  • Zidane 55
  • McManaman 90+2
Real Madrid
Senza fiato

Il Real Madrid sceglie un'occasione speciale per espugnare il Camp Nou dopo 19 anni: la semifinale d'andata della Champions League 2002.

2001/02

• Il Real Madrid CF ha segnato 35 gol durante la stagione, eguagliando il suo stesso record da vincitore siglato nel 1999/2000. I gol sono stati messi a segno da 14 calciatori, e sei sono arrivati da Raúl González.

• Real Madrid, FC Barcelona e Bayer 04 Leverkusen hanno tutte ribaltato uno svantaggio di misura dopo l'andata per poi avere la meglio nei quarti di finale; Real e Leverkusen hanno trovato il gol vittoria negli ultimi sei minuti.

• L'FC Bayern München ha eguagliato il record dell'AFC Ajax di 19 partite consecutive di UEFA Champions League senza sconfitte prima che il Real Madrid mettesse fine alla striscia positiva dei detentori – e alla difesa del titolo – nel ritorno dei quarti di finale giocato al Santiago Bernabéu.

 

Il Camp Nou incute come sempre timore agli avversari anche all'inzio del millenio. Tuttavia, il Real Madrid CF regge agli attacchi dei padroni di casa nella semifinale d'andata contro l'FC Barcelona e ottiene un successo 2-0 grazie al quale ipoteca l'accesso alla finale della UEFA Champions League 2002.

Nonostante la grande tradizione del Real Madrid nel torneo, il Barcellona, grazie a due titoli di Liga conquistati in tre anni, parte con un lieve vantaggio. La formazione catalana era imbattuta in casa contro i rivali storici da 19 anni, prima di cadere sotto i colpi di Zinédine Zidane e Steve McManaman nella ripresa.

L'inizio è di marca blaugrana. Patrick Kluivert, Marc Overmars e Javier Saviola si intendono a meraviglia e collezionano palle gol a ripetizione, la migliore delle quali è un colpo di testa di Luis Enrique su corner di Fábio Rochemback che si stampa sulla traversa.

La ripresa inizia sulla falsariga del primo tempo, con Overmars che svirgola al lato da buona posizione. La reazione del Real Madrid, privo dello squalificato Luís Figo, è letale. Raúl González apre in due la difesa locale: Zidane si libera di Philip Cocu e beffa con un pallonetto il portiere Roberto Bonano.

Pochi istanti più tardi, Luis Enrique non inquadra la porta di testa. Dall'altra parte, Guti manca una buona occasione, ma il suo sostituto, McManaman, non sbaglia dopo una buona manovra confezionata da Raúl e Flavio Conceição. La gara di ritorno, nonostante il rientro di Rivaldo dall'infortunio, si rivelerà un ostacolo insormontabile per il Barcellona.

Protagonisti

  • Makelele

    Nazionale francese nato a Kinshasa, Makelelé ha a tal punto ridefinito il ruolo di centrocampista di copertura in Inghilterra, dove ha militato nel Chelsea FC, che successivamente quella è divantata "la posizione di Makelelé". Dopo aver vinto il titolo nazionale in Francia, Spagna e Inghilterra, oltre alla UEFA Champions League 2001/02 con il Real Madrid CF, il 71 volte nazionale francese è ora diventato un allenatore.

  • Guti

    Alto, biondo e istantaneamente riconoscibile, Guti ha iniziato la carriera da attaccante, ma è nel ruolo di trequartista che si è messo in luce, bilanciando la sua scarsa velocità grazie alla tecnica sopraffina e all'abilità di dettare l'ultimo passaggio come pochi altri. Se si escludono 16 mesi trascorsi al Beşiktaş JK, l'ex nazionale spagnolo ha sempre vestito la maglia del Real Madrid CF. Utilizzato spesso come primo cambio, ha vinto cinque titoli nazionali e treUEFA Champions League.

Cosa è successo dopo?

• Il Real Madrid CF supera 2-1 il Bayer 04 Leverkusen nella finale di Glasgow grazie ai gol di Raúl González e Zinédine Zidane.

• Le Merengues alzano invece bandiera bianca nella Liga, ottenendo un solo punto nelle ultime tre gare e scivolando al terzo posto alle spalle di RC Deportivo La Coruña e del Valencia CF campione.

• L'FC Barcelona chiude due punti più indietro, al quarto posto, un risultato che pone fine all'esperienza di Carles Rexach sulla panchina catalana. La stagione successiva, con Louis van Gaal al timone, i Blaugrana chiuderanno al sesto posto.

• Come già accaduto due anni prima, il Real Madrid fallisce la difesa del trofeo in semifinale, cedendo con un 4-3 complessivo alla Juventus. Da allora le Merengues non sono più approdate in finale.

• Vicente del Bosque, che a sorpresa aveva lasciato il Real Madrid CF dopo il successo nella Liga 2002/03, diventa il primo tecnico a vincere UEFA Champions League, EURO e Coppa del Mondo FIFA.

Unisciti alla conversazione

  • © 1998-2014 UEFA. Tutti i diritti riservati.
  • Le parole CHAMPIONS LEAGUE e UEFA CHAMPIONS LEAGUE, il logo e il trofeo della UEFA Champions League e i loghi della Finale di UEFA Champions League sono marchi registrati e/o copyright della UEFA. Tali marchi non possono essere utilizzati in nessun modo per scopi commerciali. L'utilizzo di UEFA.com sta a significare l'accettazione dei Termini e Condizioni e delle Norme sulla Privacy.